Ridurre il rischio di complicanze

La misurazione dei livelli glicemici e la riduzione del rischio di complicanze

IN EVIDENZA

  • La chiave per ridurre lo sviluppo di complicanze è avere un miglior controllo

HbA1c: un parametro importante per valutare l'efficacia con cui è possibile gestire il diabete; si basa sulla quantificazione del glucosio che si è legato a ciascun globulo rosso nell'arco dei 2- 3 mesi precedenti.

Lo studio DCCT (Diabetes Control and Complications Trial) ha confermato che riducendo l'HbA1c anche soltanto dell'1% si riduce il rischio di sviluppare complicanze microvascolari del 40%*. L'HbA1c deve essere controllata ogni 3 mesi allo scopo di mantenerla a valori inferiori al 7% o ai valori prescritti dal medico*.
 

Normalmente i valori glicemici rientrano in un intervallo compreso tra 70 e 140 mg/dl, livelli che si può cercare di mantenere attraverso l'automonitoraggio quotidiano della glicemia (SMBG) utilizzando il proprio glucometro*.

Ipoglicemia ("Ipo") Si parla di ipoglicemia quando i livelli di glucosio nel sangue sono troppo bassi, di norma sotto 60 mg/dl, ma il valore può variare da persona a persona. L'ipoglicemia può essere lieve, in questo caso se ne avvertono i sintomi e si può rimediare mangiando o bevendo qualcosa contenente carboidrati. Gli eventi ipoglicemici gravi richiedono l'aiuto di un'altra persona e talvolta il ricovero ospedaliero.

Iperglicemia ("Iper") Si parla di iperglicemia quando i livelli di glucosio nel sangue sono troppo alti, di norma superiori a 200 mg/dl, ma il valore può variare da persona a persona. Livelli glicemici superiori a 270 mg/dl devono essere trattati tempestivamente per evitare complicazioni gravi.

Raggiungere e mantenere il livello di HbA1c desiderato minimizzando il rischio di eventi ipoglicemici severe può essere molto difficile. La terapia con microinfusore di insulina consente di regolare le dosi d’insulina sulle necessità dell’organismo di ora in ora.

Un attento controllo glicemico può ridurre in modo significativo il rischio di sviluppare complicanze. Con 1% in meno nel valore dell’emoglonina glicata HbA1c si riduce il rischio di:*

  • Retinopatie (danni agli occhi) del 38% 
  • Nefropatie (danni ai reni) del 28% 
  • Neuropatie (danni al sistema nervoso) del 28%
  • Malattie cardiovascolari (infarto o ictus) del 57%

Quindi, che cosa possono fare sin d’ora le persone con diabete di Tipo 1 che si preoccupano delle complicanze per ridurre il rischio?

BIBLIOGRAFIA

  • *Dati conservati in archivio e disponibili su richiesta; per riceverne una copia contattare il proprio referente di zona Medtronic

 

L'uso di questo sito è riservato agli adulti. Tutti i contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. I racconti presentati sono esperienze personali di specifici pazienti. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all'altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti per assicurarvi di aver pienamente compreso tale informazione, ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni. Tutti i link indicati verso i social media hanno una funzione di servizio e non sono in nessun modo intesi come vaglio e approvazione di questi siti da parte di Medtronic; Medtronic non può pertanto essere ritenuta responsabile dei contenuti di siti esterni, né di nessun commento o risposta postata dall’azienda stessa o da chiunque altro su qualunque sito o social media. Pubblicando un qualunque contenuto su questi social media lei è consapevole ed accetta che tali contenuti diventino di dominio pubblico, e che Medtronic possa usare tali contenuti per fini promozionali interni ed esterni. Medtronic s'impegna a monitorare per quanto ragionevolmente possibile i contenuti postati sui social media e Medtronic si riserva il diritto di rivedere, correggere e/o cancellare qualunque commento ritenga inappropriato (e.g., commenti offensivi, spam).

*Gli accessori Medtronic disponibili per l’acquisto on-line non sono dispositivi medici ai sensi della direttiva europea 93/42/EEC concernente i dispositivi medici, recepita nella legislazione italiana con il D.Lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D.Lgs. 25 gennaio 2010, n. 37 - recepimento della direttiva 2007/47/CE.

© 2016 Medtronic International Trading Sarl. Tutti i diritti riservati. Nessuno dei contenuti di questo sito può essere riprodotto o utilizzato, in qualunque modo e per qualunque fine, senza l'autorizzazione di Medtronic International Trading Sarl.